Facebook come Shazam e SoundHound: arriva il riconoscimento audio

  • 0
  • 26 maggio 2014
Facebook come Shazam e SoundHound: arriva il riconoscimento audio

Facebook come Shazam e SoundHound: arriva il riconoscimento audio

Lanciato come mero social network e salito agli onori della cronaca per aver saputo attirare l’attenzione di tutti così come mai nessun servizio di questo tipo era riuscito a fare Facebook, nel corso del tempo, è diventato molto più che un “semplice” strumento grazie al quale restare in contatto con gli amici.

Evidente dimostrazione di ciò ne è senza alcun dubbio la nuova feature per l’app Facebook per device iOS ed Android che è stata annunciata e lanciata proprio nel corso degli ultimi giorni. Ora, infatti, il social network di Zuck è in grado di riconoscere in pochi secondi il brano musicale che l’utente sta ascoltando o il film, lo show televisivo ed il match sportivo che sta guardando. Facebook si trasforma dunque in un’app decisamente simile alle leader del settore Shazam e SoundHound.

[vimeo 95970002 w=600 h=337]

La nuova feature viene attivata solo ed esclusivamente durante la composizione degli aggiornamenti di stato. Per riconoscere musica, film, show televisivi e match sportivi tramite l’applicazione di Facebook è quindi necessario selezionare prima la voce per aggiungere un nuovo stato e poi l’icona raffigurante l’emoticon, quella che consente di far sapere agli altri cosa si sta facendo. Fatto ciò l’app ascolterà automaticamente il brano in riproduzione ed in pochi istanti lo aggiungerà allo stato in modo tale da renderne molto più semplice e veloce la condivisione. Gli utenti con cui i contenuti vengono condivisi hanno l’opportunità di ascoltare un’anteprima di 30 secondi degli stessi e di ricevere eventuali informazioni aggiuntive. Non manca poi la possibilità di ascoltare e visualizzare i contenuti tramite servizi di terze parti adibiti allo streaming come ad esempio Spotify e Deezer.

Per il momento l’app di Facebook è in grado di riconoscere circa 160 canali televisivi e dispone di un database di poco più di 2 milioni di brani musicali ma naturalmente con il passare del tempo e con l’estendersi della disponibilità della funzione tali cifre sono destinate ad aumentare.

Ovviamente (o quasi!) l’utilizzo della nuova funzione non è obbligatorio. La nuova feature, infatti, viene “invocata” su specifica richiesta dell’utente e può essere disattivata manualmente. Inoltre sui server del social network non viene conservata nessuna traccia audio.

Facebook come Shazam e SoundHound: arriva il riconoscimento audio

Appare abbastanza evidente che gli obiettivi del team di Facebook con l’introduzione di questa nuova funzione sono quelli di dare del filo da torcere alla spietata concorrenza, cercare di incrementare il numero delle condivisioni sul social network e, perché no, favorire la visualizzazione di inserzioni pubblicitarie create ad hoc sulla base dei gusti personali degli utenti.

Per il momento, è opportuno sottolinearlo, la nuova feature è stata resa disponibile soltanto per gli utenti degli Stati Uniti. L’azienda di Menlo Park ha però dichiarato che il riconoscimento audio verrà integrato lentamente nelle app mobile degli utenti di tutto il mondo, italiani compresi.