Facebook lavora a Moments, l’app per le condivisioni private

  • 0
  • 19 settembre 2014
Facebook lavora a Moments, l'app per le condivisioni private

Facebook lavora a Moments, l'app per le condivisioni private

Mark Zuckerberg, lo ha dichiarato in svariate occasioni, ha intenzione di rendere Facebook una risorsa sempre più interessante e performante con il passare del tempo e con l’aggiunta di nuove feature. Non sorprende quindi che nel corso degli ultimi mesi in Facebook siano state implementate un sempre maggior numero di funzionalità e non sorprende neppure il fatto che il buon Zuck si stia impegnando nel lancio di ulteriori nuove app connesse a Facebook.

È questo il caso di Facebook Moments ovvero la prossima applicazione mobile del social network che andrà a semplificare la gestione delle liste offrendo agli utenti la possibilità di condividere contenuti con un numero ristretto di persone.

La buona nuova è stata data dalla redazione di TechCrunch che ha inoltre provveduto a far sapere che per il momento l’app è utilizzata dai soli dipendenti di Menlo Park che così come di consueto vengono coinvolti nella fase di test dei nuovi prodotti in blu.

Diversamente dall’applicazione principale Facebook Moments sarebbe tutta incentrata sul tipo di audience ovvero, così come suggerisce lo stesso nome, gli utenti destinatari di uno specifico momento.

Allo stato attuale delle cose Facebook offre già la possibilità di gestire la visibilità degli aggiornamenti di stato scegliendo tra varie opzioni mediante l’apposito menu a tendina o previa creazione delle lista ma considerando che si tratta di operazioni che, per così dire, possono risultare un po’ macchinose il team di sviluppo del social network più celebre al mondo avrebbe quindi dato il via alla realizzazione di Facebook Moments.

L’app, dunque, esiste già, è funzionante e, stando a quanto reso noto dalla fonte dell’indiscrezione, presenta un’interfaccia con vari riquadri ognuno dei quali rappresenta un gruppo di persone.

Al momento non risultano disponibili ulteriori dettagli riguardo le funzionalità ma molto probabilmente l’app comprenderà alcune liste predefinite e magari anche i gruppi.