Facebook: i video hanno superato gli status update

  • 0
  • 5 marzo 2014
Contest su Facebook: le regole cambiano, le possibilità aumentano

Facebook: i video hanno superato gli status update

La visibilità delle pagine Facebook, è cosa ben chiara tanto ai community manager quanto ai “comuni” utenti del social network, è fatta di corsi e ricorsi, così come in moli hanno potuto imparare a proprie spese e così com’è possibile apprendere tenendo traccia delle varie novità divulgate dallo stesa squadra di Mark Zuckerberg. Anche il contributo delle piattaforme di analisi e di monitoraggio di terze parti può però esser particolarmente illuminante in tal senso.

A tal proposito, nei giorni scorsi, EdgeRankChecker, una nota piattaforma che si occupa del monitoraggio dei trend di Facebook, ha rilasciato alcuni dati circa l’andamento dell’algoritmo che determina la visibilità organica delle fanpage. Dai report è stato possibile apprendere di un calo degli status update di circa il 40%.

Il dato, per così dire, sorprendente non è però tanto quello che la visibilità degli aggiornamenti di stato condivisi dalle pagine risulta diminuita quanto quello del recente successo dei video in seguito alla comunicazione data da Facebook a gennaio scorso di un calo di visualizzazioni degli status update poichè reputati una tipologia di contenuto più adatto per un utente che per una pagina.

Facebook: i video hanno superato gli status update

Video & auto-play

I video, infatti, hanno raggiunto quasi lo stesso livello delle immagini per numero di interazioni medie raggiungibili andandole invece a superare in quanto contenuto che permette di generare maggiori visualizzazioni, due dati questi che vanno a mettere in risalto una variazione di non poco conto in termini di engagement.

È molto probabile che tale variazione abbia qualcosa a che vedere con la possibilità di sfruttare campagne ads sull’auto-play dei video.

Immagini & engagement

Nonostante la recente tendenza le immagini restano però quella tipologia di contenuto che più di ogni altro risulta coinvolgente e che più di ogni altro si presta ad un’interazione istantanea.

Da tempo, infatti, le immagini sono quel tipo di contenuto che riesce a generare più condivisioni e che quindi può garantire una maggiore esposizione e diffusione dei contenuti.