Fliike: il primo contatore fisico di ‘Like’ su Facebook

  • 0
  • 6 agosto 2013

 

fliike | isayweb! |

Fliike è un vero e proprio apparecchio che consente di conteggiare i ‘like‘  ricevuti da una pagina su Facebook.

Ad esempio, un negozio che ha la sua pagina su Facebook potrebbe mettere in vetrina il contatore e i clienti potrebbero vedere in diretta l’aumento dei ‘Like’ ricevuti da quel negozio. Siamo sicuri che, per curiosità, un cliente, ma anche un semplice passante metterebbe all’istante un ‘mi piace’ giusto per vedere se funziona davvero!

Fliike è stato ideato dallo studio Smiirl per negozi, spazi pubblici e centri commerciali che vogliono mostrare la loro reputazione online ai propri clienti. Viene connesso alla pagina di Facebook tramite connessione WiFi e, in tempo reale, aggiorna il contatore in base ai ‘Like’ ricevuti sul social network.

Si tratta di uno ‘sfizio’ e, come tutti gli ‘sfizi’, si paga: costo 390 dollari, disponibile a partire da novembre 2013.

Quel che è certo è che se prima ci stavamo avviando verso una separazione tra il mondo reale e quello virtuale, questo nuovo oggetto coniuga perfettamente i tempi che stiamo vivendo. I ‘Like’ che si ricevono online diventano visibili fuori la piattaforma del social network, con un apparecchio che a livello di design è sicuramente molto semplice ma estremamente innovativo.

Tra l’altro, nel mese di dicembre 2012 era circolata sul web un’altra novità: una sperimentazione delle stampelle social  iniziata in Brasile: all’interno dei negozi, gli abiti venivano appesi su speciali grucce equipaggiate con un piccolo display che mostrava quanti ‘Like’ riceveva su Facebook un determinato capo di abbigliamento. Però negli store italiani non vi è stata traccia di questa nuova opportunità di coniugare shopping e Facebook.

Che si tratti di reale o virtuale, tangibile o intangibile siamo certi che molte aziende sfrutteranno questo nuovo strumento per incrementare la ‘reputation‘.

Ma come dobbiamo considerarlo? Un mero gadget ‘fashion’ che bisogna possedere a tutti i costi per stare al passo con i tempi, oppure come oggetto che ha una propria valenza strategica come oggetto di marketing aziendale?