I post sui social media hanno vita breve

  • 0
  • 26 marzo 2014
I post sui social media hanno vita breve

I post sui social media hanno vita breve

Anche se in tanti se lo sono chiesto a più riprese in pochi, sino a questo momento, sono riusciti a determinare in maniera precisa quale sia la durata di un post sui social media.

Sulla base del “nulla si crea, nulla di distrugge, tutto si trasforma” di Lavoisier molti sono del parere che un post è destinato ad avare il suo momento di gloria all’atto della condivisione e che a distanza di tempo (non troppo!) possa continuare ad attirare l’attenzione altrui, magari in concomitanza di specifiche occasioni e/o del verificarsi di determinati eventi. La verità, però, è ben diversa: i post sui social hanno vita breve.

Al fine di rispondere con precisione alla domanda iniziale il team di Wisemetrics ha infatti analizzato i post su Facebook e su Twitter ed i loro relativi tempi di decadimento.

Ciò che è emerso dall’analisi è stato che i post su Facebook sono più longevi di quelli che vengono condivisi su Twitter ma in entrambi i casi si tratta di contenuti destinati ad avere vita breve, anzi brevissima. Nel dettaglio le informazioni ricavate dall’analisi condotta sono che:

  • Il decadimento di un tweet è di 24 minuti mentre il decadimento di un post su Facebook è pari a 90 minuti.
  • Su Facebook si raggiunge il 75% dl potenziale coinvolgimento in 5 ore mentre su Twitter lo si raggiunge in meno di 3 ore.
  • Un post su Twitter è in grado di coinvolgere molto più rapidamente di un post su Facebook.
  • Meno del 10% delle RT avviene il giorno successivo a quello della condivisione.

L’analisi è stata effettuata prendendo in considerazione soltanto i tweet con almeno 10 retweet poichè secondo i ricercatori con i post aventi meno condivisioni i dati sarebbero stati troppo instabili e dunque di non semplice misurazione.

I post sui social media hanno vita breve

Da notare che lo studio in questione è stato ispirato da una precedente analisi realizzata da Weber Shandwick in cui si è constatato che metà dei click totali di un link all’interno di un tweet vengono realizzati nei primi quattro minuti da quando il post è stato condiviso.