Shopinterest, Pinterest si trasforma in un negozio online

  • 0
  • 25 luglio 2013
Shopinterest, Pitnerest si trasforma in un negozio online

Shopinterest, Pitnerest si trasforma in un negozio online

Di soluzioni grazie alle quali monetizzare la propria attività sui social network ne esistono parecchie, di sistemi mediante cui riuscire effettivamente in tale intento, però, ce ne sono davvero pochi e Shopinterest, che così come suggerisce lo stesso nome fa riferimento a Pinterest, sembra promettere davvero bene.

Shopinterest è una piattaforma di e-commerce specifica per Pinterest, il social network delle immagini, che consente di trasformare le proprie lavagne (board) in negozi online mediante i quali vendere i propri articoli (pin). Il servizio è rivolto a piccole e micro imprese che rientrano nel settore retail.

L’idea, che rientra a pieno titolo nel campo del Social Commerce e del Visual Shopping, si rivela decisamente interessante poiché senza neanche troppo impegno tutti, o quasi, hanno la possibilità di incrementare le proprie entrate vivendo l’esperienza dello store elettronico o, perché no, ottimizzando quella già in corso.

Attualmente Shopinterest è ancora in fase di test, è accessibile solo al pubblico americano e non prevede alcun costo di registrazione per i venditori. Per poter testare il servizio occorre ottenre un invito compilando gli appositi campi annessi alla pagina principale del servizo.

Una volta effettuato l’accesso a Shopinterest ci si ritrova dinanzi una sezione introduttiva che promette la realizzazione di uno store online in soli due minuti mediante un semplice meccanismo che prevede la selezione delle board che si desidera trasformare in negozio elettronico.

Per ciascun pezzo messo in vendita possono essere inserite delle descrizioni approfondite, il prezzo e la modalità di pagamento supportata per poterne effettuare l’acquisto.

Shopinterest, Pitnerest si trasforma in un negozio online

L’utente che decide di procedere con l’acquisto deve solo aggiungere i prodotti nel carrello ed inserire il proprio pin.

Una curiosità: Shopinterest non è il primo tentativo di monetizzare Pinterest. Già gli stessi ideatori del social network a Febbraio avevano avviato, con il supporto di SkimLink’s, un tentativo di piattaforma per il commercio on line. Qualora andato effettivamente in porto il progetto, che è stato invece accantonato, avrebbe potuto fruttare tra i 10.000 e i 20.000 dollari all’anno.