Twitter vuole inserire pubblicità in altre app e siti web

  • 0
  • 19 gennaio 2015
Foto del vecchio logo di Twitter

Trovare nuovi modi di fare del sano advertising rappresenta ormai una delle principali attività dei piani alti dei servizi di social networking. Andare alla ricerca di nuove ed appetibili soluzioni per fare pubblicità è infatti diventata una vera e propria necessità anche in quel di Twitter. Non sorprende quindi il fatto che nel corso delle prossime settimane possa essere introdotta una nuova forma di adv mai sperimentata sino ad ora.

Foto del vecchio logo di Twitter

Per il momento si tratta ancora di una notizia non confermata in via ufficiale ma stando a quanto emerso nel corso degli ultimi giorni sembrerebbe proprio che il team del social network del fringuello azzurro stia pensando di inoculare pubblicità all’interno dei tweet che, diversamente da quanto fatto sino a questo momento, verrebbero visualizzati non direttamente su Twitter bensì all’interno di app e siti web di altre aziende e di altri editori condividendo poi i profitti con i partner. La strategia riguarderebbe però solo e soltanto gli editori ragion per cui non c’è da temere un’invasione di pubblicità in tutte le app in cui sono presenti tweet. A render nota la notizia è stato il Wall Street Journal che ha raccontato come durante l’edizione 2015 del CES di Las Vegas i vertici di Twitter abbiano incontrato alcuni importanti editori, come ad esempio ESPN e Flipboard, per poter parlare delle future strategie commerciali del social network tra cui quella in oggetto anche se allo stato attuale delle cose nessun accordo sarebbe ancora stato sottoscritto.

In attesa di ottenere maggiori info appare dunque abbastanza evidente il fatto che Twitter necessiti di un piano industriale che consenta di generare entrare in maniera indipendente dalla crescita del numero di utenti ed inserire pubblicità all’interno dei tweet presenti su app e siti web di terze parti potrebbe servire allo scopo.

Da notare che sempre in occasione del CES i vertici di Twitter avrebbero illustrato agli editori anche i dettagli del nuovo servizio video che dovrebbe debuttare durante i primi mesi del nuovo anno da poco cominciato.