Twitter: nuovi segnali di e-commerce, avvistato il pulsante Buy now

  • 0
  • 7 luglio 2014
Twitter, gli utenti crescono in qualità

Twitter: nuovi segnali di e-commerce, avvistato il pulsante Buy now

L’interesse del team di Twitter nei confronti dell’e-commerce è ormai cosa ben nota a tutti. In più occasioni, infatti, il cinguettante social network ha dimsotrato di voler entrare a far parte a tutto tondo del mondo degli acquisti online, così come verificatosi nel caso dell’accordo stretto con Stripe e del progetto AmazonCart

Nel corso degli ultimi giorni l’impegno di Twitter nei confronti dell’affascinante mondo del commercio elettronico sembra però essersi modificato divenendo ancor più serio e tangibile o almeno questo è quel che lascia intuire la presenza del pulsante Buy nei tweet sull’app mobile del social network.

La redazione del sito web Re/code ha infatti segnalato di aver avvisato nei giorni scorsi il pulsante in questione al di sotto delle foto di alcuni prodotti. Tutti i tweet contenti il pulsante Buy now avevano però una cosa in comune ovvero l’essere stati condivisi mediante un’app di nome Fancy. Facendo tap sul pulsante Buy now gli utenti sono stati reindirizzati direttamente ad un checkout interno all’app.

Twitter: nuovi segnali di e-commerce, avvistato il pulsante Buy now

È tuttavia molto probabile che per il momento si sia trattato solo ed esclusivamente di un test o che la nuova funzione sia stata resa pubblica in maniera involontaria.

Purtroppo allo stato attuale delle cose non è ancora possibile sapere quando lo shopping su Twitter diventerà finalmente realtà ma una cosa è certa: prima o poi succederà davvero!

Ad ogni modo è opportuno sottolineare il fatto che la mossa messa a segno nel corso degli ultimi giorni andrebbe a configurarsi come il secondo pezzo di un puzzle, se così si suol dire, già iniziato a gennaio, mese durante il quale era stata annunciata la scoperta di un possibile flusso di navigazione fra Twitter e Fancy in seguito all’apparizione sul web di alcune mockup che mostravano una possibile integrazione tra il social network ed il mondo dell’e-commerce.