YouTube, rivoluzione in vista per l’advertising

  • 0
  • 4 marzo 2015
Foto del logo di YouTube

Lo scorso anno YouTube ha visto crescere i propri introiti sino a ben 4 miliardi di dollari, una cifra questa che è risultata superiore a quella registrata dalla piattaforma di video in streaming numero uno al mondo nel 2013 pari, appunto, a circa 3 miliardi di dollari. La tendenza di YouTube sembra quindi essere sufficientemente positiva ma parallelamente alle entrate sono anche aumentati i costi operativi, quelli legati al mantenimento dell’infrastruttura e delle spese necessarie per sostenere le licenze dei contenuti trasmessi.

Foto del logo di YouTube

Tenendo conto della situazione Google non riesce più a generare profitti sufficienti. Proprio per tale motivo il gruppo di Mountain View avrebbe deciso di rivoluzionare il sistema che gestisce le inserzioni pubblicitarie visualizzate prima o durante la riproduzione dei filmati su YouTube andandole a rendere ancora più mirate in base a quelli che sono i gusti personali dei singoli utenti.

Alla base del nuovo presunto approccio dovrebbe esserci il motore di ricerca per cui analizzando le keyword cercate online dagli internauti Google sarebbe in grado di mostrare advertising su misura e dunque potenzialmente in grado di andare a stuzzicare maggiormente l’interesse di chi guarda i video su YouTube. Ad esempio se qualcuno sta programmando la propria vacanza tramite Google potrebbe vedere su YouTube spot relativi ad un soggiorno ai Caraibi. Oggigiorno gli inserzionisti devono invece cercare di indovinare chi sta pensando ad una località di villeggiatura sulla base dei siti di viaggio monitorati da DoubleClick.

Per il momento, è però bene sottolinearlo, si tratta ancora di indiscrezioni (diffuse dal solitamente infallibile Wall Street Journal ma pur sempre indiscrezioni!) per le quali mancano conferme ufficiali da parte di Big G. Se si considera però il fatto che monetizzare l’enorme traffico che ogni giorno viene generato su YouTube è praticamente da sempre “il pallino” dei piani alti di Mountain View la cosa non dovrebbe essere così fuori luogo.